Il consumo di marijuana è “ereditario”?

Secondo un nuovo studio, l’uso recente e passato di marijuana da parte dei genitori è stato associato ad un aumento del rischio di consumo di marijuana, tabacco e alcool da parte dei bambini che vivono sotto il loro tetto.

I dati per lo studio, pubblicati su JAMA Network Open, provengono dai National Surveys on Drug Use and Health (NSDUH) dal 2015 al 2018, che includono informazioni su 24.900 coppie genitore-bambino.

Lo studio ha rilevato che l’uso di marijuana da parte dei genitori negli anni passati è stato costantemente associato a un rischio generalizzato di uso di marijuana, tabacco e alcolici, nonché di abuso di oppioidi sia tra la prole adolescente che tra i giovani adulti che vivono nella stessa famiglia.

È una sorpresa? Non per gli esperti intervistati da Healthline. Ma dicono che questo rende i risultati non meno importanti.

“La cosa più sorprendente è che l’uso di marijuana per tutta la vita da parte dei genitori, anche se non ne hanno fatto uso nell’ultimo anno, ha conferito un rischio maggiore per l’uso di sostanze da parte dei loro figli”, ha detto Bertha K. Madras, PhD, professore di psicobiologia presso la Harvard Medical School in Massachusetts, che è stato corrispondente autore dello studio sulla rivista JAMA. “Anche interessante è stato che l’uso della madre è stato più influente di quello del padre per i giovani dai 12 ai 17 anni”, ha detto.

Madras dice che c’erano ragioni importanti per condurre questa ricerca, che è stata sponsorizzata congiuntamente dalla Substance Abuse and Mental Health Services Administration e dal National Institute on Drug Abuse degli Istituti Nazionali di Salute del Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani.

In primo luogo, l’uso di marijuana da parte dei genitori è in aumento, ha detto, “e mi chiedevo se questo potesse essere associato all’uso di specifiche sostanze da parte della prole e a diverse sostanze”.

Inoltre, a livello personale, Madras ha dichiarato che “diversi padri mi hanno confidato di aver usato la marijuana per legare con i loro figli. Sono rimasti inorriditi dopo aver assistito ai progressi dei loro figli nell’uso di altre droghe, specialmente eroina”.

Madras spiega che pochi studi hanno esaminato direttamente se l’uso di marijuana da parte dei genitori aumenta il rischio di abuso di oppioidi tra adolescenti e giovani adulti che vivono in casa con i genitori.

“La cosa più importante, e per quanto ne sappiamo, nessuna delle ricerche esistenti ha esplorato contemporaneamente la frequenza dell’uso di marijuana da parte dei genitori e se questa sia collegata alla marijuana di adolescenti e giovani adulti, al tabacco, all’uso di alcol e all’abuso di oppioidi”, ha osservato Madras.

Anche se non ci può essere alcun ansimare udibile sui risultati, Madras ritiene che questa sia un’informazione vitale per tutti i genitori.

“Lo studio informa i medici e i responsabili politici che lo screening per l’uso di marijuana e l’educazione degli individui, dei pazienti e delle famiglie sui rischi è essenziale”, ha detto a Healthline.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi