Scuola a distanza, gli adolescenti provano meno ansia

Un gruppo di ricercatori dell’Inghilterra ha sospettato che i giovani adolescenti che stavano studiando a distanza a causa della pandemia COVID-19 potessero sentire più ansia. Il team di studiosi ha dunque ragionato sul fatto che molti adolescenti si sarebbero preoccupati che amici e familiari si ammalassero. E, inoltre, avrebbero avuto meno sostegno sociale a causa dell’isolamento a casa.

Quando hanno condotto un sondaggio, tuttavia, quello che hanno trovato è stato sorprendente: gli studenti erano in realtà meno ansiosi. Inoltre, stavano sperimentando altri benefici, come una maggiore sensazione di benessere e un maggiore legame con la scuola.

Lo studio, condotto da ricercatori dell’Università di Bristol, si è avvalso di uno studio già in corso sull’uso dei social media e sulla salute mentale degli adolescenti. I partecipanti avevano già fatto un’indagine di base prima della pandemia dell’ottobre 2019.

Per valutare l’impatto della pandemia, un’altra indagine è stata effettuata nel periodo aprile/maggio. Nello studio sono stati coinvolti oltre 1.000 studenti di nove anni di 17 scuole secondarie dell’Inghilterra sud-occidentale. Il nono anno è l’equivalente della terza media negli Stati Uniti.

Ebbene, i ricercatori hanno scoperto che il 54% delle ragazze tra i 13 e i 14 anni era a rischio di ansia prima della pandemia, con un calo del 10% durante l’isolamento. Il 26 per cento dei ragazzi della stessa fascia d’età erano a rischio durante il sondaggio iniziale, rispetto al 18 per cento durante l’isolamento. I livelli di depressione sono rimasti comunque abbastanza costanti, con un aumento del 3 per cento del numero di ragazze a rischio e un calo del 2 per cento per i ragazzi.

Molti adolescenti hanno segnalato un aumento del senso di benessere durante l’isolamento. I ragazzi hanno registrato un miglioramento maggiore rispetto alle ragazze. Inoltre, coloro che prima della pandemia avevano registrato il più basso senso di benessere prima della pandemia hanno registrato il miglioramento maggiore. Molti studenti hanno anche riferito di avere un maggiore legame con le loro scuole, con maggiori opportunità di parlare con i loro insegnanti. Tra le ragazze, l’aumento del senso di benessere e la riduzione dell’ansia sembrano essere legati a un maggiore utilizzo dei social media.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi