La variante Omicron è meno grave del primo Covid-19?

Le scene orribili viste nelle precedenti ondate di Covid-19 sono “storia”, secondo John Bell, un professore di medicina all’Università di Oxford e consulente per le scienze della vita del governo britannico. Parlando alla BBC, Bell ha analizzato i dati dal Regno Unito, dove i casi stanno battendo i record e i ricoveri in ospedale sono al loro livello più alto da marzo. Ha detto che il numero di persone in terapia intensiva che sono vaccinate rimane “molto, molto basso”.

L’incidenza della malattia grave e della morte per questa malattia [Covid] non è fondamentalmente cambiata da quando siamo stati tutti vaccinati e questo è davvero importante da ricordare“, ha detto alla BBC. “Le scene orribili che abbiamo visto un anno fa – unità di terapia intensiva piene, un sacco di persone che muoiono prematuramente – che è ora storia a mio parere e penso che dovremmo essere rassicurati che è probabile che continui.”

Discutendo della nuova variante omicron, l’esperto ha poi aggiunto che “la malattia sembra essere meno grave, e molte persone passano un tempo relativamente breve in ospedale, non hanno bisogno di ossigeno ad alto flusso, la durata media della permanenza è apparentemente tre giorni. Insomma, questa non è la stessa malattia che vedevamo un anno fa”.

Uno studio del governo britannico pubblicato giovedì ha detto che le persone hanno molte meno probabilità di essere ricoverate in ospedale con la variante Covid omicron rispetto al precedente ceppo delta.

L’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito ha detto che gli individui con omicron sono stimati tra il 31% e il 45% meno probabilità di frequentare i dipartimenti di emergenza rispetto a quelli con delta, e dal 50% al 70% meno probabilità di richiedere il ricovero in ospedale.

L’analisi è “preliminare e altamente incerta” a causa del piccolo numero di casi di omicron attualmente negli ospedali, ma corrisponde a risultati simili da scienziati in Sud Africa e team di ricerca presso l’Imperial College di Londra e l’Università di Edimburgo.

Sebbene il numero di decessi giornalieri rimanga basso e la ricerca iniziale suggerisce che la variante omicron non sia così grave come altri ceppi Covid, gli esperti di salute hanno ripetutamente avvertito che il numero di infezioni potrebbe portare a molte morti e un sistema sanitario sopraffatto.

Danny Altmann, professore di immunologia presso l’Imperial College di Londra, ha detto alla CNBC la scorsa settimana che anche se omicron si rivela essere “più mite” di altri ceppi, la potenziale casistica potrebbe raddoppiare o triplicare il numero di persone che hanno bisogno di ricovero nel Regno Unito, dove il virus è dilagante – con particolare rischio per i non vaccinati.

Intanto, Boris Johnson ha rinunciato a imporre nuove restrizioni di Covid-19 per l’Inghilterra, almeno prima della fine di quest’anno. La Scozia, il Galles e l’Irlanda del Nord hanno già iniziato nuove restrizioni per limitare la diffusione della variante omicron, ma l’Inghilterra è rimasta con gli attuali ordini di restare a casa e l’aumento della maschera.

Bell ha detto che la mancanza di azione di Johnson lunedì era “probabilmente un bene” e ha notato che il comportamento delle persone in Inghilterra è cambiato comunque, con sempre più persone che sono “abbastanza responsabili”. I ricoveri ospedalieri sono ancora sotto i 400 al giorno a Londra, una soglia ritenuta cruciale dal governo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi