La Televisione di ieri e di oggi: cosa è cambiato?

parabolaTempo fa eravamo un po’ tutti quanti abituati a dover fare i conti con la televisione analogica che aveva pochissimi canali al proprio seguito ed era spesso vittima anche dei disturbi di segnale. Si trattava di una condizione a dir poco fastidiosa, perchè non dava accesso ad una platea di canali sufficientemente ampia per permetterci di distrarci a dovere! Ma da un po’ di tempo a questa parte le cose sono andate cambiando e tra alti e bassi, dobbiamo ammettere che lo hanno fatto in meglio.

Questo netto cambio di passo è sorto con l’avvento del digitale terrestre che ha liberalizzato molto il settore televisivo, aprendo il nostro caro apparecchio di casa ad una vastissima gamma di emittenti che prima non esistevano affatto o che magari trasmettevano solo su determinate aree o su precisi ambiti. Le stesse Rai e Mediaset hanno approfittato di questa ventata di cambiamento per ampliare la loro offerta di canali: inizialmente ne prevedevano solo tre a testa, mentre invece, oggi giorno, come abbiamo modo di constatare ci sono molte ma molte più emittenti sotto il loro stesso controllo!

Alcune di queste propongono contenuti per così dire “nuovi”, mentre altre come Rai Premium e Mediaset Extra svolgono invece il ruolo di “canale replay” ovvero di canale sul quale girano trasmissioni che sono precedentemente andate in onda sulle reti principali.

Di pari passo a tutto ciò sono nate anche le piattaforme Pay TV dove l’utente, in genere con l’acquisto di una smart card o di un decoder apposito, ha modo di interagire con servizi esclusivi che spesso non vengono neanche trasmessi dalle reti tradizionali. Serie TV, film molto recenti e programmi tematici sono i veri punti di forza sui quali queste realtà possono contare, tanto è vero che con un abbonamento di questo genere si sta davvero tranquilli in fatto di “cosa vedere in tv”!

E se ci sono problemi di ricezione del segnale, non c’è nessun problema, perchè ormai la gran parte dei professionisti operanti nel settore delle videocomunicazioni hanno dimestichezza anche con questo genere di apparecchi. Clicca qui per saperne di più. Come evidente, per quanti problemi ancora possano affliggere il mondo del digitale terrestre e delle Pay TV circa canali che vanno e vengono, segnali disturbati e via dicendo, non si può di certo dire che le cose, tutto sommato, non si siano evolute in meglio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi